1ª Rifugio Crosta 16/02/2020

Descrizione percorso

Il rifugio Pietro Crosta
Il rifugio Pietro Crosta

Ci troviamo alle 8,30 a Intra in 4: Sonia, Maria, Andrea e Gianni baffo.

Andiamo a Varzo, saliamo verso San Domenico e ci fermiamo a Maulone sotto m. 950 dove lasciamo le auto. Sono le 9,40, il tempo è nuvolo.

Saliamo sulla strada, per ora senza neve. Superiamo Maulone sopra m. 1052 alle 10,00, Ple m. 1111 alle 10,30 e arriviamo a Salera m. 1203 alle 10,55. Breve sosta e ripartenza alle 11,05.

Continuiamo sempre sulla strada, superiamo La Pree m. 1297 alle 11,20, intanto cominciamo a trovare tratti innevati. Arriviamo all'alpe Calantiggine m. 1439 alle 11,45.

Da qui siamo sempre su neve, ma non servono ne ciaspole ne ramponcini.

Superiamo Astolo m. 1596 alle 12,25 e arriviamo a destinazione al rifugio Pietro Crosta m. 1751 alle 13,10.

Sosta per il pranzo. Iniziamo il ritorno dallo stesso percorso di salita alle 15,05. Il tempo è sempre nuvolo ma non fa freddo.

Superiamo Astolo alle 15,30, Calantiggine alle 16,05, La Pree alle 16,30, Salera alle 16,45, Ple alle 17,05 e arriviamo all'auto alle 17,40.

Gita sempre bella con circa 800 metri di dislivello e poco più di 16 chilometri di sviluppo, con tempo sempre nuvolo.

Fotogallery (di Gianni baffo)

Foto di gruppo all'area megalitica Castelluccio
Foto di gruppo all'area megalitica Castelluccio
Sul campanile più alto dell'Ossola, in frazione Chiesa
Sul campanile più alto dell'Ossola, in frazione Chiesa