6ª Colle del Pianino e quota 1780 08/02/2024

Il Giezza
Il Giezza

Descrizione percorso

Quota 1780 sullo sfondo il Moncucco
Quota 1780 sullo sfondo il Moncucco

Ritrovo alle 8,30, siamo in 8: Nadia, Doda, Daniela (amica di Doda), Sandro, Roberto, Maurizio, Marco e Gianni baffo.

Saliamo in Val Antrona e deviamo per Montescheno m. 702 dove lasciamo le auto nei pressi della chiesa. Sono le 9,40, il tempo è bello, per ora.

Prendiamo il bel sentiero che parte a destra e arriviamo a Vallemiola m. 791 alle 10,05. Visita a quello che era un paese e ripartenza alle 10,15. Saliamo sulla destra fino ad Aulamia m. 1057, dove arriviamo alle 10,50. Sosta per la colazione e ripartenza alle 11,10.

Riprendiamo la salita, superiamo l'alpe Valdosso m. 1092 alle 11,20, l'alpe Arnegher m. 1162 alle 11,25 e arriviamo all'alpe Vaccareccia m. 1299 alle 11,40. Ora il sentiero sale gradatamente fino al Colle del Pianino m. 1620 che raggiungiamo alle 12,45.

Riprendiamo la salita e arriviamo nei pressi di una croce in sasso a quota 1780 alle 13,15. Il tempo è peggiorato, il sole è sparito, ma non c'è minaccia di pioggia. Decidiamo di fermarci li per il pranzo.

Iniziamo il ritorno alle 14,00. Torniamo al Colle del Pianino alle 14,20 e scendiamo a destra rispetto da dove eravamo saliti. Il sentiero scende ripido, superiamo Mondà m. 1468 alle 14,35, Cat Flec m. 1400 alle 14,45, Scima i prer m. 1350 alle 14,50, Cà du Ric m. 1210 alle 15,20, Cascina Crest m. 1160 alle 15,25 e arriviamo ad un bivio alle 15,45. Scendiamo a destra fino all'alpe Bucarei alle 15,50.

da qui scendiamo fino al torrente che attraversiamo su un bel ponte e torniamo a Montescheno alle 16,55.

Gita faticosa con 12,500 chilometri di sviluppo e 1160 metri di dislivello, con tempo bello all'inizio, poi nuvolo e freddo.

Al centro il pizzo Ton
Al centro il pizzo Ton

Fotogallery (di Gianni baffo)

Fotogallery (di Roberto)

Tra le felci
Tra le felci
Foto di gruppo
Foto di gruppo
Foto di gruppo
Foto di gruppo
Verso Cannero
Verso Cannero