3ª Rifugio Crosta 18/01/2024

A sinistra il Jezza
A sinistra il Jezza

Descrizione percorso

Il rifugio Crosta
Il rifugio Crosta

Ritrovo alle 8,30, siamo in 8: Nadia, Doda, Antonella, Roberto, Luciano, Marco, Sandro e Gianni baffo.

Andiamo a Varzo e prendiamo la strada per San Domenico fino alla località Maulone m. 950 dove parcheggiamo a lato della strada. Sono le 9,50, il tempo è nuvolo.

Saliamo sulla strada asfaltata, per ora senza neve. Superiamo Maulone sopra m. 1052 alle 10,05 e arriviamo a Plè m. 1111 alle 10,25, breve sosta per bere alla fontana e ripartenza alle 10,30. Arriviamo a Salera m. 1203 alle 10,45. Cominciamo a trovare la neve. Continuiamo, superiamo La Pree m. 1297 alle 11,00. Poco dopo ci fermiamo a mettere i ramponcini. Superiamo Calantiggine m. 1439 alle 11,25, Astolo m. 1596 alle 11,55 e arriviamo all'Alpe Solcio m. 1753 alle 12,20. Saliamo al rifugio Pietro Crosta alle 12,25.

L'accoglienza di Marina ed Enrico è sempre molto cordiale. Ci accomodiamo in sala a gustare il sempre ottimo pranzo cucinato da Marina. Al termine dopo il caffè e ammazza caffè salutiamo i simpatici gestori e iniziamo il ritorno alle 14,55.

Scendiamo dallo stesso percorso di salita, superiamo Calantiggine alle 15,40, Salera alle 16,15, Plè alle 16,30 e arriviamo alle macchine alle 16,55.

Gita sempre bella con 17 chilometri di sviluppo e circa 850 metri di dislivello, con tempo nuvolo, solo ogni tanto usciva un pallido sole.

Da sinistra: Nona, Togano e Tignolino
Da sinistra: Nona, Togano e Tignolino

Fotogallery (di Gianni baffo)

Fotogallery (di Marco)

Fotogallery (di Roberto)

Fotogallery (di Nadia)

Tra le felci
Tra le felci
Foto di gruppo
Foto di gruppo
Foto di gruppo
Foto di gruppo
Verso Cannero
Verso Cannero