18ª Monte Giove (da Traffiume) 18/05/2023

Sant'Agata
Sant'Agata

Descrizione percorso

La croce di vetta del Monte Giove
La croce di vetta del Monte Giove

Oggi causa previsioni metereologiche non buone su 9 che dovevamo essere in 6 rinunciano, perciò ci ritroviamo al cimitero di Suna alle 7,30 in 3: Nadia (con Buba), Sandro e Gianni baffo.

Visto il tempo non bello decidiamo di cambiare meta, di accontentare Nadia e andiamo al Monte Giove, dove non è mai stata.

In auto andiamo a Traffiume m. 250 circa, e la lasciamo nel parcheggio della chiesa. Sono le 8,15, il tempo è nuvolo. Proseguiamo per un breve tratto a destra della chiesa e prendiamo il bel sentiero che sale a sinistra, che in mezzora ci porta a Sant' Agata m. 473, che raggiungiamo alle 8,45. Saliamo a sinistra della chiesa, attraversiamo il paese e prendiamo il sentiero che sale sopra le case. Arriviamo a S. Luca m. 687 alle 9,20, giriamo a sinistra e superati i ruderi di un grosso alpeggio arriviamo ad un bivio alle 9,25. A sinistra è da dove torneremo, noi saliamo a destra e arriviamo a Marcalone m. 860 alle 9,45. Saliamo sopra al paese e, a tratti su strada arriviamo ad un tornante dove prendiamo il sentiero che sale a destra, arriviamo poco prima di Rombiago, dove giriamo a sinistra e saliamo in vetta al Monte Giove m. 1298 alle 10,55. Purtroppo le nuvolo ci impediscono di vedere lo stupendo panorama circostante. Mentre siamo in vetta, ogni tanto le nuvole si diradano e riusciamo a vedere Cannobio e il lago (vedi fotogallery). Iniziamo il ritorno alle 11,25, scendiamo a Rombiago m. 1167 alle 11,40, dove ci fermiamo a mangiare. Ripartiamo alle 12,20, prendiamo il sentiero che scende a destra e, arrivati ad un bivio giriamo a sinistra, sempre su bel sentiero che ci porta a chiudere l'anello al bivio del mattino alle 13,25. Intanto il tempo è migliorato ed è uscito il sole. Superiamo S. Luca alle 13,35 e arriviamo a Sant'Agata alle 13,55. Breve sosta per visitare la bella chiesa, ripartenza alle 14,05. Torniamo a Traffiume alle 14,35.

Dopo una birra in un bar, saliamo in auto e andiamo a visitare l'orrido di Sant'Anna all'inizio della Val Cannobina, dopo di che ci dirigiamo verso casa.

Gita sempre bella con poco più di 12 chilometri di sviluppo e 1060 metri di dislivello, con tempo migliore del previsto, nuvolo all'andata e bello al ritorno.

Il lago Maggiore e a destra Cannobio
Il lago Maggiore e a destra Cannobio

Fotogallery (di Gianni baffo)

Tra le felci
Tra le felci
Foto di gruppo
Foto di gruppo
Foto di gruppo
Foto di gruppo
Verso Cannero
Verso Cannero