50ª Pizzo d'Omo 14/12/2017

Descrizione percorso

Il cartello di vetta del Pizzo d'Omo
Il cartello di vetta del Pizzo d'Omo

Ritrovo alle 8,00, siamo in 11, da Verbania: Mara, Lucia, Gabrio, Mirko, Serafino, Bruno M. e Gianni baffo. Da Domodossola: Angelo, Franco, Gianpaolo e Gianpiero.

Andiamo in auto a Caronio m. 494 e le lasciamo nel parcheggio del paese. Sono le 8,30, il tempo è nuvolo ma tendente al bello. Infatti poco dopo la partenza esce il sole che rimarrà tutto il giorno.

Prendiamo il sentiero che sale pochi metri a destra del parcheggio. Siamo nella neve, ma si cammina bene e non servono le ciaspole.

Saliamo nel bosco e alle 9,30 facciamo una brevissima deviazione a destra per andare ad un punto panoramico da dove si gode una bella vista sul lago Maggiore.

Dopo le foto di rito torniamo sul sentiero innevato e alle 10,05 arriviamo a Pollino m. 762. Ci fermiamo al ristorante Canetta dove pranzeremo a bere un caffè.

Ripartiamo alle 10,20 e prendiamo il sentiero che sale a destra della chiesa. Nei pressi di Pian di Sole m. 1000 torniamo sulla strada e la percorriamo per circa 300 metri, quindi all'altezza del cartello col nome della località Pian di Sole, saliamo a destra su bel sentiero sempre innevato e arriviamo in vetta (si fa per dire) al Pizzo d'Omo m. 1070, alle 11,10.

La vista sul lago è ancora più spettacolare.

Iniziamo la discesa, dalla parte opposta di salita alle 11,25. Raggiungiamo una diramazione con cartelli segnaletici alle 11,35. Proseguiamo dritti e superata la Cappella di San Giuseppe alle 11,45 arriviamo a Pollino alle 12,10.

Sosta per il pranzo al ristorante Canetta.

Ripartiamo alle 14,20, prendiamo la gippabile innevata che scende a sinistra, superiamo la Cappella di Monte m. 600 alle 14,55 e arriviamo a Caronio alle 15,15.

Gita breve e poco faticosa con tempo bello. 

Fotogallery (di Gianni baffo)

Video

Video (di Gianpiero)