1ª Alpe Gorta 05/01/2017

Descrizione percorso

Alpe Gorta m. 1330
Alpe Gorta m. 1330

Ritrovo alle 7,00, siamo in 6: Mara, Gabrio, Serafino, Vittorio, Roby e Gianni baffo.

Andiamo a Domodossola dove ci aspettano: Paola, Paolo (con Becks), Angelo, Sandro F. Norberto, Fabio, Osvaldo, Tommy, Giuliano (con Lampo) e il Fantasma. Totale 16 e due cani.

Andiamo a Crevoladossola e saliamo fino a Cresto m. 550 dove lasciamo le auto nello spiazzo della palestra di arrampicata di La Valletta. Sono le 8,25, il tempo è nuvolo.

Saliamo dapprima sulla strada, nella notte ha fatto una spolverata di neve e la strada è scivolosa, poi superato la cappella di Puzoi m. 798, alle 8,35 prendiamo il sentiero che superato Alpe Ceva di sotto alle 9,00, Alpe Ceva di sopra alle 9,25 ci porta al grosso agglomerato di baite sparse in diversi posti dell'Alpe Gorta m. 1330, alle 10,00. Ci fermiamo nel gruppo più in alto, nella baita di un amico, che si ferma per preparare il pranzo a lasciare gli zaini, quindi proseguiamo per una decina di minuti fino all'Alpe Prasca m. 1370 circa da dove si domina la piana dell'Ossola.

Nonostante sia nuvolo non c'è nebbia e il panorama sulla valle è stupendo. Dopo le foto di rito torniamo nella baita dell'amico alle 10,50. Lunga sosta per il pranzo e ripartenza alle 14,15. Scendiamo con molta attenzione sul sentiero e i tratti di strada ricoperti da un sottile strato di neve molto scivolosa.

Arriviamo alle auto alle 15,20.

Gita non lunga ne faticosa con tempo sempre nuvolo. Naturalmente mentre scendiamo in auto splende il sole.

 

Fotogallery (di Gianni baffo)