2ª Traversata Oltrefiume - Mottarone - Omegna         12/01/2012

Descrizione percorso

La vetta del Mottarone m. 1491
La vetta del Mottarone m. 1491

Ritrovo alle 6,30, siamo in 6 Mara, Gabrio, Gianni, Roberto, Roby e Gianni baffo. Ci rechiamo prima a Fondotoce a prendere Armando, poi a Gravellona per l'appuntamento con gli Ossolani: sono in 2 Sandro e Franco. totale 9

Andiamo tutti a Omegna in zona Madonna del Popolo, li lasciamo le macchine di Gianni e Armando e con quelle di Gabrio, Roberto e Franco andiamo a Oltrefiume. Giunti prima della rotonda di Baveno deviamo a destra per Oltrefiume m.232, seguiamo le indicazioni per il Camping Tranquilla, dove posteggiamo le auto. Iniziamo l'escursione alle 7,30, il tempo è bello e non fa nemmeno freddo.

procediamo inizialmente su strada, che passa nei pressi dell'autostrada, poi su larga mulattiera. Alle 7,50 giungiamo ad un bivio, sulla sinistra le indicazioni per l'Alpe Vedabbia, mentre a destra per il Monte Camoscio e il Mottarone, con tempo di percorrenza di 4 ore. Procediamo a destra per salire al Monte Camoscio. Ora si prosegue su sentiero che sale ripido nel bosco di castani. Alle 8,55 giungiamo in vetta al Monte Camoscio m.890, splendido punto panoramico. Procediamo con largo giro fino all'Alpe Vedabbia m.879, poi saliamo al Monte Zughero m.1230, dove giungiamo alle 11,05. il panorama è stupendo, dopo le foto di rito saliamo al rifugio del Cai di baveno all'Alpe Nuovo m.1285, sono le 11,25. Proseguiamo sul sentiero Gravellona-Mottarone e con largo giro arriviamo in vetta al Mottarone m.1491 alle 12,25, il panorama a 360 gradi è fantastico. Lunga sosta per il pranzo. Alle 14,45 scendiamo dal versante opposto per giungere al Rifugio del Cai di Omegna, proseguiamo e al bivio per il sentiero dei Tre alberi e quello delle catene facciamo decidere al Presidente (Roberto) da che parte scendere. Roberto decide di scendere dal sentiero delle catene, più breve ma molto più impegnativo (per escursionisti esperti). Il sentiero è molto scosceso. Giungiamo al primo tratto con catene, scendiamo con cautela senza problemi, il secondo tratto attrezzato è più difficile, ma non crea grosse difficoltà. Al punto panoramico, io (baffo) e Gabrio, mentre aspettiamo gli ultimi, scattiamo qualche foto ad Omegna e al Lago D'Orta.

Arriviamo all'Alpe Mastrolini m.548 alle 15,55, sosta presso una panchina dalla quale ammiriamo lo stupendo panorama. Salutiamo Sandro e Franco che ci precedono per andare direttamente a casa a Domo. alle 16,15 ripartiamo, scendiamo su buon sentiero e arriviamo alla  Madonna del Popolo a Omegna m.307 alle 16,45.

Con le auto di Armando e Roberto andiamo a Oltrefiume dove abbiamo lasciato le altre macchine. Li ci salutiamo e andiamo tutti a casa.

Bellissima gita con panorami meravigliosi, tempo stupendo e nemmeno freddo.

Fotogallery (di Gianni baffo)